Archivi del mese: maggio 2005

Omicido Attilio Manca, Provenzano il colpevole?

Guardando “Chi l’ha visto” ho scoperto una cosa che  mi ha molto inquietato.

Erano ospiti in studio infatti i genitori del medico morto ammazzato Attilio Manca  di Barcellona Pozzo di Gotto.

Nel febbraio 2004 il suo corpo veniva  ritrovato  senza vita ucciso con una iniezione letale nella sua abitazione di Viterbo. Una morte improvvisa e strana, molto strana. Attilio Manca era urologo, e la sua città di orginie, Barcellona Pozzo di Gotto negli ultimi anni ha ricoperto un ruolo fondamentale per gli affari della malavita organizzata. Sembra addirittura che il detonatore della strage di Capaci sia partito proprio da quì! Considerando che quel porco di Bernardo Provenzano nell’ottobre 2003 è stato operato alla prostata ( a spese della Regione, ma questa è un’altra storia), è ipotizzabile che il povero Attilio Manca, urologo appunto , possa essere stato contattato da ambienti malavitosi della sua Barcellona per un intervento al boss. L’ipotesi è rafforzata da una strana telefonata di Manca ricevuta dalla madre proprio il giorno prima della morte. In questa telefonata Manca chiedeva alla madre di aggiustare la sua motocicletta custodita nella residenza estiva (Tonnarelle-Me).Una strana telefonata, appunto,dato che la motocicletta era in perfette condizioni e che Manca la utilizzava solo nel periodo estivo. E’ possibile che si trovasse a Barcellona in quei giorni? Per fare cosa? La famiglia ha  chiesto che si svolgano ulteriori indagini per verificare l’attendibilità di una pista “barcellonese”, fatta di impronte digitali, tabulati telefonici e contatti avuti dalla vittima poco prima del decesso. Per questo i legali hanno presentato ricorso contro la richiesta di archiviazione delle indagini, avanzata della Procura.

Ovviamente sono tutte ipotesi, ma quando c’è la mafia di mezzo tutto è possibile purtroppo.

Ci sono molti interrogativi ancora da risovere. Speriamo che si parli ancora dell’omicidio di Attilio Manca.


link originale

http://giugioni.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=493465