Archivi del mese: novembre 2016

Attilio Manca, nel libro un soffio di speranza

baldo-vinci-roma-premio-mattarellaVideo e Fotogallery
di Anna Vinci
La presentazione di “Suicidate Attilio Manca” al Campidoglio
Roma in questo venti novembre 2016, è in uno dei suoi momenti magici, autunnale nei colori, tiepida nell’aria del primo pomeriggio, integra nel suo splendore, pronta ancora una volta, viene da pensare, a confrontarsi con i suoi mali, che la bellezza rende certo più evidenti, ugualmente dando forza per continuare a sperare.
Dal basso la chiesa di Santa Maria in Aracoeli, invita a salire la scalinata e a disertare la cerimonia che ci aspetta.
Come sempre sacro e profano si mischiano, noi siamo qui tra molti turisti e romani a passeggio, mentre altri da ogni parte del mondo sono giunti per la chiusura dell’ultima Porta Santa. Sono in centomila ad ascoltare Padre Francesco a San Pietro, e le sue parole che invitano alla Misericordia.
Ultimi pensieri mentre ci avviamo alla Protomoteca, per la cerimonia di presentazione delle opere partecipanti al Premio Piersanti Mattarella.
Sono qui a presentare il libro di Lorenzo Baldo, La Mafia Ordina, Suicidate Attilio Manca. Imprimatur editore. Continua a leggere

‘Suicidate Attilio Manca’ alla II edizione Premio Piersanti Mattarella – Roma, 20 Novembre

20161120-premiazione-piersanti-mattarellaDomenica 20 Novembre si terrà, presso la Sala della Protomoteca nel Campidoglio del comune di Roma, la presentazione delle opere partecipanti e finaliste alla II edizione del Premio Piersanti Mattarella 2016.
Tra le ore 15:30 e le ore 16:30 è prevista la presentazione del libro di Lorenzo BaldoSuicidate Attilio Manca” con la partecipazione della scrittrice Anna Vinci. Continua a leggere

“Suicidate Attilio Manca” a Torino con Borsellino e don Ciotti

baldo-manca-torinoIl presidente di Libera: “Non lasceremo sola la famiglia Manca”
di Miriam Cuccu
La presentazione a Torino del libro “Suicidate Attilio Manca” “è una tappa dell’impegno collettivo necessario per restituirgli verità e giustizia”. Ne è convinto don Luigi Ciotti, che ha preso parte come relatore all’incontro, moderato dalla referente di Libera Francesca Rispoli, sul volume scritto dal vicedirettore di Antimafia Duemila Lorenzo Baldo ed edito da Imprimatur.
Un libro dove secondo don Ciotti, che ne firma la prefazione, “c’è tanta testa e tanto cuore” e un “sapiente dosaggio di empatia per poter ‘entrare’ nei documenti” ma anche “il saper restituire Attilio, il suo carattere e lo spessore umano attraverso le parole di amici e colleghi. Ci consegna la consapevolezza che porta ad essere responsabili, porta la voglia di lottare pur nella coscienza dei nostri limiti”. E sullo sfondo, aggiunge il fondatore di Libera, “omissioni, false piste d’indagine, certamente trattative inconfessabili e complicità di mafie e poteri corrotti, ma anche tanta massoneria”. Continua a leggere

Andato in scena “Vinafausa. In morte di Attilio Manca”: intervista a M. Zanghì e S. Corso

Vina-Fausa-1-300x199di Elena Grasso
Si è svolto ieri sera presso l’Oratorio delle Figlie di Maria Ausiliatrice di via Regina Margherita il primo spettacolo della rassegna teatrale “Scenanuda” curata dall’Associazione culturale “Filokalòn” in sinergia con la Compagnia Teatrale “Santina Porcino”. Il titolo era  “Vinafausa. In morte di Attilio Manca” , l’attualissima rappresentazione teatrale di Simone Corso con la  regia di Michelangelo Maria Zanghì, con Francesco Natoli, Michelangelo Maria Zanghì, Simone Corso; costumi ed elementi scenici a cura di Francesca Cannavò, luci di Franco Zanghì e musiche di Chiara Pollicita. L’assistente alla regia è Caterina Sfravara, amministrazione Associazione Culturale Filokalòn. Continua a leggere

Presentazione del libro ‘Suicidate Attilio Manca’ – Torino, 15 Novembre

20161115-suicidate-attilio-manca-toMartedì 15 novembre alle ore 18.30 a Binaria Centro Commensale del Gruppo Abele in Via Sestriere 34 (Torino), Lorenzo Baldo presenta il suo libro: “Suicidate Attilio Manca”. Intervengono, assieme all’autore, Luigi CiottiSalvatore BorsellinoGiorgio Bongiovanni fondatore di Antimafia DuemilaAngela Manca madre di Attilio Manca (in collegamento Skype)
Modera Francesca RispoliL’evento sarà trasmesso in diretta streaming!

E’ il 12 febbraio 2004. A Viterbo, in un appartamento di via Monteverdi viene ritrovato il cadavere di Attilio Manca. Il corpo del giovane urologo di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), che operava all’ospedale di Viterbo, è riverso trasversalmente sul piumone del letto, seminudo”… Continua a leggere

“Attilio Manca è vivo!”

pres-suicidate-manca-pndi Maria Marzullo
Attilio Manca è vivo. È vivo nella memoria di chi ancora, a distanza di 12 anni dal suo inscenato suicidio, cerca la Verità e insegue la Giustizia. Attilio è vivo nei ricordi della sua famiglia, dei suoi colleghi di lavoro e in quanti (pochi, troppo pochi) cercano la Verità sulla sua morte. Perché non basta che qualcuno racconti con convinzione che Attilio fosse un tossicodipendente; perché non basta iniettargli dosi di eroina in un braccio sbagliato ed una combinazione di alcolici e DIAZEPAM per affermare che si tratti di suicidio. A ricostruire i tasselli di una vicenda sulla quale il nostro Paese parrebbe avviarsi ad un’archiviazione piuttosto che ad un’indagine è il giornalista Lorenzo Baldo, vice direttore della rivista AntimafiaDuemila che nel suo ultimo libro “La mafia ordina suicidate Attilio Manca” (Imprimatur edizioni con prefazione di don Luigi Ciotti), pone l’attenzione su uno dei casi irrisolti della storia nera di questo paese. All’incontro di presentazione promosso dall’Associazione Culturale “Il Sicomoro” e svoltosi nell’ Auditorium della Regione Friuli Venezia Giulia di Pordenone sabato 12 novembre sono in molti a voler conoscere la storia di Attilio Manca. Continua a leggere

Un libro-appello: “Riaprite il caso di Attilio Manca”

suicidate-attilio-mancaIl reporter Baldo e la vicenda del medico “suicidato” dalla mafia. Due presentazioni

Venerdì, alle 18, alla libreria Moderna di via Cavour 13, a UdineLorenzo Baldo presenterà il suo libro “Suicidate Attilio Manca”. Dialogherà con Gianluca Manca, fratello di Attilio, modererà Paolo Leonardo Medeossi. Sabato, alle 20.45, all’auditorium della Regione a Pordenone*, sempre Baldo dialogherà con Gianluca Manca e Giorgio Bongiovanni, direttore di Antimafia Duemila, modererà Anna Petrozzi. Continua a leggere

“Suicidate Attilio Manca”: un unico filo per delitti di Stato

1La presentazione del libro a Viterbo: “Qui un’inchiesta vergognosa”
di Miriam Cuccu – Fotogallery
“Grazie di essere presenti malgrado la giustizia viterbese”. Inizia così l’avvocato Antonio Ingroia alla presentazione del libro “Suicidate Attilio Manca”, scritto dal vicedirettore di Antimafia Duemila Lorenzo Baldo ed edito da Imprimatur. Sono passate poche ore dall’udienza-lampo celebrata nel pomeriggio a Viterbo, al processo sulla morte di Attilio Manca, dove con poco più di una domanda è terminata l’escussione della madre, Angela, e l’amarezza è ancora presente per come la vicenda Manca rimanga ancora “uno dei casi che grida la sua richiesta di giustizia di fronte ad una verità negata e depistata”.
Sono trascorsi 12 anni dal ritrovamento del corpo di Attilio: il setto nasale che appare deviato, varie ecchimosi sul corpo, due buchi a un braccio – il sinistro, lui che era mancino puro – nel quale sono state iniettate due dosi di eroina che si sono unite a un mix di tranquillanti ed alcool. Eppure la causa della morte è stata ricondotta a un’overdose, a un suicidio. Continua a leggere

Attilio Manca, al processo solo la madre: “Ennesima umiliazione”

manca-angela-vit-c-emanuele-di-stefanoAssenti gli altri cinque testimoni. E il pm vieta le riprese
di Lorenzo Baldo e Miriam Cuccu
Più che un’udienza è sembrata una “toccata e fuga”. Al processo per la morte di Attilio Manca, urologo siciliano trovato morto in circostanze misteriose per un mix di droga, tranquillanti ed alcool, sei testimoni dovevano essere esaminati per chiarire una vicenda dai contorni ancora oscuri e irrisolti. Invece solo Angela Manca, madre di Attilio, ha affrontato il viaggio da Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) per presentarsi davanti al giudice di Viterbo Silvia Mattei. Per tutti gli altri le mancate notifiche e la burocrazia hanno impedito l’esame di questo pomeriggio. Nel quale, peraltro, Angela Manca è stata liquidata con poco più di una domanda: il pubblico ministero – magistrato onorario che sostituiva il pm – ha chiesto unicamente alla madre dell’urologo se conoscesse Monica Mileti, unica imputata per spaccio al processo celebrato a Viterbo, città in cui Attilio prestava servizio al “Belcolle”. E questo nonostante fosse già pacifico che tra le due donne non esistesse alcun rapporto di conoscenza. Continua a leggere