Capaci, 25 anni dopo: “Una nuova coscienza civile per non vivere più sotto il ricatto politico mafioso”

capaci-web4Lorenzo Baldo, vice direttore di Antimafia Duemila, ricorda l’omicidio di Giovanni Falcone e le connessioni della morte di Attilio Manca con la trattativa tra Cosa nostra e Stato
di Andrea Braconi

Ci sono fatti che devono essere spiegati. Omicidi che conosciamo soltanto per il loro rumore mediatico, immancabile e obbligato, ma non per gli elementi che li connotano. E quindi, venticinque anni dopo la strage di Capaci nella quale morirono il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo ed Antonio Montinaro, parlare è essenziale. Continua a leggere

L’appello di Angela Manca alla moglie di Provenzano e quella collaborazione abortita del capo di Cosa Nostra

provenzano-bernardo-eff-ppdi Lorenzo Baldo
“Lei, in qualità di moglie di Bernardo Provenzano, e’ l’unica che mi potrebbe aiutare a cristallizzare la verità sulla morte di mio figlio, Attilio Manca. Suo marito era in procinto di parlare, ma è stato selvaggiamente picchiato e messo a tacere per sempre; quindi la esorto a continuare lei la collaborazione impedita a suo marito”. Le parole di Angela Manca il giorno prima del 25° anniversario della strage di Capaci vanno dritte al cuore. L’appello rivolto alla moglie di Provenzano riaccende un film sulla possibile collaborazione di Bernardo Provenzano abortita sul nascere. Continua a leggere

Angela Manca alla moglie di Provenzano: “Collabori con la giustizia, lo faccia anche per mio figlio!”

manca-angela-1Lettera aperta della madre di Attilio Manca alla vedova del capo di Cosa Nostra

Signora Saveria Benedetta Palazzolo, mi rivolgo a lei da madre a madre.
Lei, in qualità di moglie di Bernardo Provenzano, è l’unica che mi potrebbe aiutare a cristallizzare la verità sulla morte di mio figlio, Attilio Manca. Suo marito era in procinto di parlare, ma è stato selvaggiamente picchiato e messo a tacere per sempre; quindi la esorto a continuare lei la collaborazione impedita a suo marito.
Lo faccia per i suoi figli, per la sua coscienza, per chi da decenni aspetta un briciolo di verità. Continua a leggere

Enna al Liceo Classico Lorenzo Baldo presenta il libro “La Mafia Ordina: Suicidate Attilio Manca”

lorenzo-baldo-800x1132Uscire fuori dalla retorica dell’antimafia ed invece incanalarsi e sentirsi coinvolti all’interno di una storia che all’apparenza sembra normale ma che cela intrighi che vanno al di la di quanto uno possa immaginare e che raccontano di una storia tutta della Prima Repubblica. E’ questo il motivo che ha portato il liceo classico Colaianni la cui dirigente scolastica è Marinella Adamo attraverso un progetto coordinato dalla docente Patrizia Guasto ad adottare la storia di Attilio Manca giovane brillante medico di Barcellona Pozzo di Gotto che ufficialmente alcuni anni fa è morto suicida per overdose a Viterbo. Ma dietro questa versione ufficiale che i suoi genitori non hanno mai voluto accettare ci sarebbe un vero giallo che porterebbe ad una tesi tutta mafiosa e con interessi dei vertici dello stato e dove Attilio ebbe solo la sfortuna di ritrovarsi per pura casualità e coincidenza nel posto sbagliato. Continua a leggere

Angela Manca: “Siamo di nuovo sotto attacco. Stanno cercando di ucciderci”

manca-angela-chilhavisto di Luciano Mirone
“Non riesco a comprendere cosa vogliono dalla nostra vita. Ci hanno tolto un figlio; sono stati graziati da istituzioni che hanno preferito crocifiggere Attilio; eppure, nonostante ciò, continuano a rendere difficile ogni giorno della nostra vita già tanto provata”.

Un appello accorato, quasi disperato, quello che Angela Manca fa tramite facebook per segnalare che ancora una volta il giardino della casa di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), dove la signora vive col marito Gino, “dopo un periodo di tregua è di nuovo sotto attacco”. Stavolta calce vive è presente su tutte le piante, che stanno morendo”. Continua a leggere

Presentazione del libro ‘Suicidate Attilio Manca’ – Ragusa, 24 Maggio

20170524-pres-suicidatemanca-ragusa-okMercoledì 24 maggio alle ore 18.30, presso la Sala Avis di Ragusa in via Vittorio Emanuele Orlando, Lorenzo Baldo presenta il suo libro “Suicidate Attilio Manca“.

Interviene insieme all’autore, l’avvocato Fabio Repici.

Modera: Prof.ssa Tina Petrolito

IL LIBRO
È il 12 febbraio 2004. A Viterbo, in un appartamento di via Monteverdi viene ritrovato il cadavere di Attilio Manca. Il corpo del giovane urologo di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), che operava all’ospedale di Viterbo, è riverso trasversalmente sul piumone del letto, seminudo. Continua a leggere

Angela Manca a “Talìa – La radio che si guarda”

manca-angela-1Questa mattina alle ore 12:30 Angela Manca, la madre del giovane urologo trovato morto il 12 febbraio 2004, è intervenuta alla trasmissione “Talìa – La radio che si guarda”. Riportiamo di seguito il comunicato della redazione.

“Amici di Talìa, oggi ai nostri microfoni una Grande Donna, che con forza e determinazione, porta avanti una dura battaglia per scoprire la verità sulla morte del figlio.
Lei è ANGELA MANCA, mamma di ATTILIO medico di successo e vittima di mafia che sarebbe stato ucciso per aver operato Bernardo Provenzano a Marsiglia. Non mancate!
Talìa Produzione Primamusica su Radio Fantastica 89.2 Seguite la diretta anche su FB o in TV, su Prima TV (666 dgt)”. Continua a leggere

Luciano Armeli Iapichino – A Brolo, parlando del caso di Attilio Manca, io c’ero

luciano-armeli-iapichino-2017da scomunicando.it
L’intervento del docente\scrittore Luciano Armeli Iapichino, già autore de “Le vene violante” il libro che parla proprio dell’urologo barcellonese, suicidato dalla mafia, durante i lavori di presentazione di un’altro libro su Manca e sulla sua vicenda, quello di Lorenzo Balbo, svoltasi a lo scorso venerdì a Brolo. ED intanto continua la raccolta delle firme in calce alla petizione, rivolta alla Procura di Roma, affinchè non si archivi il caso giudiziario e si continuano le indagini alla ricerca della verità. Continua a leggere

Liceo Impallomeni: Presentato “La mafia ordina. Suicidate Attilio Manca” di Lorenzo Baldo

20170511-suicidate-attilio-manca-intervento-milazzodi Alessandro Di Bella
Un giovane medico originario di Barcellona P.G., Attilio Manca, un autentico luminare nel proprio campo, l’urologia, trovato morto a Viterbo, il 12 febbraio 2004, nell’appartamento in cui abitava, con due segni di iniezioni sul braccio sinistro. L’autopsia dichiarerà la presenza nel corpo di eroina, alcol e tranquillanti. C’è però qualcosa che non quadra per la famiglia e per i colleghi di lavoro di Viterbo. Innanzitutto, Attilio era una persona solare e amante della vita, mai nell’esercizio della professione aveva mostrato segni di dipendenze, mai alcuna traccia di buchi sulle braccia nude in sala operatoria, mai alcun cenno di squilibrio nella routine di 14-16 ore di lavoro quotidiano in ospedale. Inoltre, Attilio Manca era un mancino puro: perché, allora i segni delle due iniezioni erano proprio sul braccio sinistro? In aggiunta a ciò, come mai ai genitori è stato impedito, con dei pretesti, di vedere il cadavere e il volto sfigurato del figlio nella camera mortuaria? Continua a leggere

All’istituto Impallomeni la presentazione del libro “La mafia ordina: Suicidate Attilio Manca”

manca-attilio-web4Giovedì 11 maggio, alle 16.30 nell’aula magna dell’Istituto Impallomeni verrà presentato il libro di Lorenzo Baldo “La mafia ordina: Suicidate Attilio Manca” (edizione Imprimatur). Insieme all’autore interverranno Francesco Massara, magistrato, Fabio Repici, avvocato, Riccardo Orioles, giornalista, Angela Manca, mamma di Attilio, Caterina Nicosia, preside dell’Istituto “G.B.Impallomeni e Attilio Andriolo, presidente dell’Associazione culturale Teseo. Associazione che insieme alla dirigente della scuola di via Capitano Spoto ha organizzato l’incontro. Continua a leggere